Questo Sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Per ulteriori informazioni leggi la cookie Policy

Privacy Policy
FacebookTwitterWordpressYoutube

LO STRESA REALIZZA IL SOGNO: E' SERIE D!!!!

Lo Stresa batte 7-2 il Piedimulera e vincendo con una giornata di anticipo il campionato di Eccellenza, è promosso per la prima volta in serie D.

Lo stadio Forlano è teatro della sfida tra Stresa e Piedimulera, penultima giornata del campionato di Eccellenza. Lo Stresa in vetta alla classifica cerca i punti per il sogno, il Piedimulera invece lotta per rimanere aggrappato alla speranza di poter disputare i playout e rimanere con onore in questo campionato.

Le due formazioni si conoscono bene, molti gli ex da entrambe le parti e sono ottimi i rapporti che legano società e persone. Ma il campo metterà di fronte due avversari agguerriti, pronti a vendere cara la pelle per onorare i propri obiettivi. Galeazzi schiera Barantani a difesa dei pali, in difesa Tuveri, Riccio, Agnesina e Telesca. Davanti a loro capitan Frascoia supportato da Gitteh e Gilio. Bernabino graviterà nella zona dei trequartisti alle spalle di Brugnera e Beretta, pronto ad inserirsi pericolosamente in area di rigore. Il Piedimulera risponde con Bionda tra i pali, Sistino, Mammucci, A.Romano, Marta e Paganini . A centrocampo Violi, Papasodaro, A. Fernandez dietro al tandem di attacco formato da G. Romano e M.Fernandez.

La prima azione della gara è di marca stresiana, con Tuveri che va a servire Frascoia che poi mette sul tacco di Bernabino un pallone invitante, ma Bionda non si lascia sorprendere. Al 4’ Frascoia prova lo schema da calcio piazzato servendo Brugnera che però non arpiona in area. Al 7’ ancora Stresa con il tiro potente da fuori area di Brugnera, ma la palla si impenna. Al 13’ G. Romano innescato da Andrea Fernandez va al tiro, ma Barantani è prontissimo a bloccare. Un minuto dopo Gilio palla al piede si accentra fin dentro l’area, ma è bravissimo A. Romano a strappargli dai piedi il pallone. Al 16’ arriva il gol dello Stresa con Bernabino che servito da Tuveri di ginocchio batte Bionda. Al 19’ Paganini crossa per Sistino che va a colpire di testa, ma Barantani non si lascia sorprendere. Al 20’ Bernabino si trasforma in assistman e serve Beretta che insacca il 2-0. Al 21’ Brugnera tira secco dalla sinistra andando a colpire la base del palo, che strozza la gioia in gola all’attaccante brasiliano. Ma l’urlo liberatorio arriva al 24’ quando Gilio mette in mezzo per Beretta, che però è anticipato da Mammucci: la sua deviazione finisce sul palo, il rimbalzo è arpionato da Beretta che mette in mezzo per Brugnera che butta la palla alle spalle di Bionda per il 3-0. Al 29’ Agnesina e Frascoia si posizionano sul pallone per un calcio di punizione da posizione interessante. E’ Agnesina a prendere la rincorsa e a disegnare una traiettoria da cineteca che si esaurisce alle spalle di Bionda per il 4-0.  Lo Stresa trova il 5-0 grazie a Gitteh che innesca Brugnera che slalomeggia tra i difensori avversari e poi deposita in rete. Lo Stresa non si ferma, Frascoia confeziona un cross al bacio per Bernabino che in area piccola stoppa di petto e deposita in rete per il 6-0.

Nella ripresa al 9’ Tuveri atterra Mammucci in area. Per il direttore di gara non ci sono dubbi, è calcio di rigore. Dal dischetto batte Giovanni Romano che batte Barantani. All’11’ Violi batte un calcio piazzato andando a servire Paganini che di testa devia, mettendo in controtempo Barantani, ma la palla va fuori. Al 15’ Agnesina involontariamente devia con la mano il tiro di Fernandez. L’arbitro indica il dischetto. Ancora una volta va G.Romano, ma Barantani intuisce e para! Al 26’ Tuveri va al tiro è prodigioso Bionda ad allontanare. Spazio ai cambi, per lo Stresa entrano Lionello, Santini e Piaia al posto di Brugnera, Bernabino e Tuveri.  Al 33’ standing ovation per il capitano, Mattia Frascoia, che lascia il campo a Salviato. Per lui una stagione da incorniciare. I minuti sembrano non trascorrere mai al Forlano. Il clima è surreale.  Al 38’ Beretta serve Santini che trova spazio per la marcatura personale e per il 7-1. C'è spazio per il secondo gol dei gialloblu, lo firma l'ex Paganini al 42'. Da Trino non arrivano aggiornamenti ulteriori, dopo il vantaggio della Ro.Ce ad opera di Nasali. Lo Stresa assapora il sogno, sempre più vicino.  Si aspetta il triplice fischio, sia al Forlano che soprattutto a Trino.

Il sogno è realtà! Lo Stresa è in serie D!

TABELLINO

STRESA SPORTIVA: Barantani, Gitteh (39’st Bocci), Telesca, Frascoia (33’st Salviato), Riccio, Agnesina, Brugnera (20’st Lionello), Gilio, Beretta, Bernabino (28’st Santini), Tuveri (30’st Piaia).

A disposizione: Bertolio, Tasin. Allenatore: Sergio Galeazzi

PIEDIMULERA: Bionda, Sistino, Marta, Violi, Mammucci, A. Romano, Paganini, A. Fernandez, G.Romano, Papasodaro (27’st Cugliandro), M. Fernandez.

A disposizione: Pirazzi, Montagnese, De Tomasi, Karcha, Acerbis, Moreti.

Allenatore: Davide Tabozzi.

DIRETTORE DI GARA: Matteo Moncalvo (Collegno)

ASSISTENTI: Giuseppe Bono  e Marco Ceppaglia (Torino)

RETI: pt.: 16’ e 41’ Bernabino, 20’ Beretta, 24’ e 31’ Brugnera, 29’ Agnesina. St.: 9’ G.Romano (rig), 38’ Santini', 42' Paganini.

Ammoniti: Violi, Paganini, Papasodaro

 

 

SPONSOR

Copyright © Stresa Sportiva 2018

Template by Joomla 2.5 Templates